pesto@wired
I work at Wired, I see stuff
Home / TWITTER / Instagram / YouTube / anobii / What's App - A Wired blog / Gadgetland / Vizualize.me / archive
Zlango, ditelo con le icone
C’è una bella differenza tra leggere un’espressione di gioia e vederne una, anche solo disegnata. Con questa filosofia è nato Zlango, il primo servizio di messaggistica per telefonia mobile che usa le icone, proprio come siamo abituati a fare in chat e messenger.
A due anni dalla prima apparizione al Mobile World Congress, la start up israeliana è tornata a Barcellona per annunciare il lancio di diverse versioni native: l’applicazione parla ora diverse lingue, italiano compreso. Basta cercare nei principali App Store o cliccare sul sito per scaricarla gratuitamente. “Per l’Italia sono già pronti tre set di icone: classico, urban e stylish”, rivela Roy Timor Rousso, VP marketing di Zlango. “L’idea è quella di assecondare le stesse dinamiche che creano linguaggi diversi in gruppi diversi. Così, tra ragazze, è possibile che sia tutto rosa e fumettoso, mentre noi ragazzacci duri che amiamo fare snowboard, magari, usiamo un linguaggio un po’ più yeah: più graffiti che icone”.
[…]

Zlango, ditelo con le icone

C’è una bella differenza tra leggere un’espressione di gioia e vederne una, anche solo disegnata. Con questa filosofia è nato Zlango, il primo servizio di messaggistica per telefonia mobile che usa le icone, proprio come siamo abituati a fare in chat e messenger.

A due anni dalla prima apparizione al Mobile World Congress, la start up israeliana è tornata a Barcellona per annunciare il lancio di diverse versioni native: l’applicazione parla ora diverse lingue, italiano compreso. Basta cercare nei principali App Store o cliccare sul sito per scaricarla gratuitamente. “Per l’Italia sono già pronti tre set di icone: classico, urban e stylish”, rivela Roy Timor Rousso, VP marketing di Zlango. “L’idea è quella di assecondare le stesse dinamiche che creano linguaggi diversi in gruppi diversi. Così, tra ragazze, è possibile che sia tutto rosa e fumettoso, mentre noi ragazzacci duri che amiamo fare snowboard, magari, usiamo un linguaggio un po’ più yeah: più graffiti che icone”.

[…]